Le Alternative

fumar
xstopscopy
easy-way-to-quit-smoke
smoking-cessation
quit-today
dce
cigarette1

C’è sempre un’alternativa a tutto e in questo caso un grande aiuto potrebbe arrivare dalle sigarette elettroniche, anchese in seguito farò delle doverose precisazioni in merito.

Il fumo è una fonte inesauribile di paure e problemi di vario genere, logico quindi che se da un lato le grandi multinazionali del tabacco spendono miliardi in ricerche mirate ad aumentarne la dipendenza, da un altro sono nate iniziative più o meno fantasiose, tecniche e prodotti più o meno efficaci e miriadi di proposte che alimentano un mercato multimiliardario e globale.

Ci sono fondamentalmente due tipologie di prodotti alternativi alle sigarette.

La prima tipologia fa riferimento a tutta una serie di prodotti pseudo medicali a base di nicotina.

Di questa categoria fanno parte le gomme da masticare alla nicotina e i più diffusi cerotti a lento rilascio.

Sono metodi che in qualche modo funzionano, nel senso che, effettivamente, assumendo la nicotina senza aspirare il fumo della sigaretta e le migliaia di sostanze chimiche che esso veicola nei nostri polmoni, danneggiamo meno il nostro corpo.

Purtroppo però l’assunzione continua di nicotina non disassuefarà il nostro organismo alla sua presenza, continuerà a volerla e a ottenerla.

Io ho utilizzato sia le gomme da masticare sia i cerotti a lento rilascio e sinceramente, in entrambi i casi, non ho smesso di fumare anzi, continuavo a farlo anche durante l’assunzione “alternativa” di nicotina.

Altra tipologia di prodotti palliativi è quella delle e-cig o sigarette elettroniche.

A mio avviso sono le uniche vere alternative alle sigarette, oramai la loro innocuità è supportata da riscontri scientifici e da accurati studi.

Dopo le perplessità iniziali create ad hoc per screditare un prodotto potenzialmente nocivo per le multinazionali del tabacco, le e-cig, stanno acquisendo una notevole fetta di quel mercato che prima era monopolio delle bionde.

Io ho cominciato a usare le e-cig prima di decidere di smettere col fumo, inizialmente, devo essere sincero, non mi dava alcuna soddisfazione “svapare” e ho letteralmente chiuso tutta la faccenda in un cassetto del comodino.

A un paio di giorni dall’ultima sigaretta e con l’arrivo delle prime vere crisi di astinenza, ho rispolverato la sigaretta elettronica limitandone l’uso al solo dopocena, per me il momento più critico della giornata.

Ora la uso ancora e posso dire di essere soddisfatto, mi concedo 3/4 tiri dopo pranzo e dopo cena, uso liquidi senza nicotina ma con un deciso gusto di buon tabacco; adoro il “7 foglie”, sa un po’ di tabacco da pipa, non amo particolarmente i liquidi con aromi troppo diversi dal tabacco ma è ovviamente una questione di gusti personali.

Oltre a quanto detto finora, ci sono decine di altri metodi che promettono miracoli, dagli orecchini magnetici ai braccialetti miracolosi, dall’ipnosi all’agopuntura e molti altri ancora ma io non ho alcuna esperienza diretta in merito e ritengo che alcuni di questi metodi sconfinino nella stregoneria, pratica nella quale non ripongo alcuna fiducia.


WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com